0%

2a FASE - 2020

0

raccolti su: €200.000

-264 giorni

SOSTENITORI

LISTA COMPLETA

ALMA MATER:

€100.000

AZIENDE + CITTADINI:

€200.000

1a FASE - 2019

OBIETTIVO RAGGIUNTO!

Nel 2019, l’Università di Bologna, con la generosa partecipazione di cittadini e aziende,
ha raggiunto la disponibilità dei 300.000 euro necessari per avviare l’appalto della prima fase.

ORTO BOTANICO: un patrimonio di Bologna da salvare insieme!

ORTO BOTANICO

CUSTODE DEL PASSATO E DEL FUTURO

Il nostro Ateneo ha deciso, a 450 anni dalla fondazione dell’Orto, di realizzare un progetto ambizioso che vogliamo condividere con tutti voi: riqualificare l’Orto Botanico e restituire ai cittadini, alle scolaresche, agli studenti, agli studiosi e ai turisti che vivono la nostra città, un luogo che sia allo stesso tempo innovativo e storico, accogliente e utile, e che vada ad arricchire la già ricchissima identità territoriale di questa città, di questa Regione, e a rafforzare quel ruolo di polo scientifico che l’Orto Botanico di Bologna ha avuto nella storia.

A dicembre abbiamo concluso con successo la prima fase di raccolta per il primo lotto e, nei prossimi mesi, partirà l’appalto per la realizzazione dei lavori. Ora parte la seconda fase di raccolta che ha come obiettivo il secondo lotto dei lavori.

Orto Botanico Bologna

1) Cosa sarà l’Orto Botanico di Bologna
La riqualificazione dell’Orto Botanico è una occasione strategica per l’Ateneo di Bologna per diversi aspetti.

Il rinnovo e l’ampliamento di una struttura come l’Orto Botanico è una operazione a lungo termine, i cui intenti, il cui sviluppo e la cui realizzazione devono fondarsi su una visione di base così definibile:

  • una struttura strategica per l'Università, un luogo in cui convivono e collaborano una efficiente struttura accademica e di ricerca e un “Museo vivo” che faccia da tramite tra Università, comunità locale e turisti, presentando ai suoi visitatori la complessità, la diversità e la ricchezza del mondo vegetale, confrontando l’evoluzione del rapporto piante-uomo con lo stato attuale e le tendenze della ricerca botanica, stimolando riflessioni e dibattiti, contribuendo alla formazione del patrimonio culturale della comunità stessa in rapporto ai temi della sostenibilità ambientale.

Al momento attuale l’Orto Botanico ospita collezioni di grande interesse, con piante estremamente rare e importanti ma difficilmente apprezzabili da un comune visitatore per mancanza di strutture e modalità di fruizione moderne e ben definite. L’idea alla base del progetto è quindi quella di individuare alcuni temi portanti e riorganizzare attorno ad essi le collezioni; si tratta, cioè, di trovare un modo per facilitare la comprensione della ricchezza che caratterizza il nostro Orto Botanico e la complessità, la diversità e l’importanza del mondo vegetale.

Orto Botanico Bologna La centralità del tema botanico servirà anche da scenario operativo per il sempre più impellente confronto sulle grandi sfide ambientali ed economiche del nostro tempo, dal riscaldamento globale alla salvaguardia della biodiversità o alla protezione idrogeologica del territorio, dal ricorso ad un economia circolare alla lotta all’inquinamento delle nostre città. Tutto questo contribuirà al potenziamento del ruolo di public engagement che il nostro Ateneo persegue. Sarà, quindi, possibile costruire attorno a questo progetto un bacino di relazioni e luoghi di scambio e confronto su temi della sostenibilità, intrecciando i saperi scientifici presenti nella nostra comunità con le realtà politiche, sociali ed economiche del nostro territorio.
E’, come dicevamo, un progetto e una visione che ha l’obiettivo di restituire al territorio un luogo ricco di stimoli e spunti di crescita e riflessione, recuperando allo stesso tempo una identità specifica per il mondo della ricerca, in un connubio tra cultura passata (i fondi museali aldrovandiani, l’erbario storico) e innovazione (la ricerca sulla biodiversità vegetale e la sua conservazione).

2) Il Progetto che realizzeremo

L’idea alla base del progetto è quella di individuare alcuni importanti temi e riorganizzare attorno ad essi le collezioni. Le funzioni di supporto all’Orto verranno realizzate all’interno della rinascimentale Palazzina Bentivoglio, mediante un nuovo progetto di rifunzionalizzazione in cui saranno inseriti spazi espositivi per gli erbari storici.

Orto Botanico Bologna Una passeggiata sopraelevata sarà l’asse organizzatore degli spazi destinati a serre, laboratori e spazi didattici all’aperto.
Lungo questo asse, un nuovo spazio polifunzionale sorgerà al posto del vecchio edificio aule esistente. Tale spazio sarà il raccoglitore naturale nel quale svolgere eventi, e conferenze, prevalentemente su temi inerenti l’ecologia e la sostenibilità, una scelta che permetterà di avere una struttura energeticamente efficiente oltre a liberare spazio per le piante nel cuore dell’orto botanico.

La passeggiata sopraelevata percorrerà tutta l’estensione dell’Orto, ricongiungendosi alle antiche mura della città: vi sarà così una visione in quota anche dei grandi alberi e dall’alto sul giardino delle acque. Dalle mura attraverso percorsi dedicati, si potranno ammirare le collezioni di arbusti ed erbacee mediterranei per poi recuperare la quota del terreno, dove un percorso rinnovato e agibile, collegherà gli ospiti alle collezioni storiche dell’Orto anche attraverso lo spazio rinnovato dell’“Orto dei Semplici”, un luogo che richiama il nucleo originale dell’Orto Botanico, come realizzato da Ulisse Aldrovandi, per coltivare ed esporre le piante medicinali. L’ingresso all’Orto, che sarà attraverso la Palazzina Bentivoglio, accoglierà anche un nuovo bookshop, la caffetteria e gli spazi di consultazione digitale libera dell’erbario.

3) Cosa realizzeremo con il primo lotto

Orto Botanico Bologna Considerata l’urgenza di alcuni interventi, riguardanti prevalentemente il tema dell’accessibilità dell’Orto ai disabili, abbiamo deciso di anticipare alcune lavorazioni inizialmente previste in un lotto successivo.
Nel primo lotto quindi verranno fatti interventi sull’ingresso e sulla pavimentazione del giardino anteriore. Verranno poi riqualificati alcuni locali della Palazzina Bentivoglio, per creare il nuovo accesso all’Orto Botanico. Interverremo inoltre sulla zona di accoglienza dell’ingresso vero e proprio e su tutta la zona parte botanica che si trova alla sinistra del percorso fino all’“Orto dei Semplici” che sarà completamente ristrutturato e riqualificato. Questa zona avrà come tema la trasformazione del rapporto fra mondo botanico e uomo: a partire dalla “collina bolognese”, che accoglie un “campionario” di piante spontaneamente presenti nel nostro territorio e tradizionalmente utilizzate dalle popolazioni locali, per passare poi alle piante tessili, tintorie, aromatiche, alimentari, per finire all’Orto dei Semplici che rappresenta il coronamento dell’uso delle piante a scopo medicale.
Farà sempre parte del primo lotto la sistemazione del percorso di visita fino a metà dell’Orto Botanico (in corrispondenza, appunto, con l’ “Orto dei Semplici”), percorso che verrà reso più interattivo con l’adozione di un sistema di informazione più completo ed efficace.

4) Cosa realizzeremo con il secondo lotto

La seconda fase sarà nel 2021. L’obiettivo economico resta sempre di 300.000 euro suddiviso fra l’Ateneo, che si assume un onere corrispondente a 100.000 euro, e la raccolta fondi da Crowdfunding e Fundraising con un obiettivo di 200.000 euro suddiviso fra aziende e cittadini.
La finalità è quella di completare la parte botanica, con la creazione del Giardino dei Grandi Alberi, il Giardino delle Mediterranee e il giardino delle Acque. Per realizzare questi interventi, si procederà alla demolizione dell’Aula prefabbricata, che si trova attualmente alle spalle della palazzina di Botanica. Questo intevento darà respiro all’Orto e anticiperà anche parte dei lavori del lotto successivo.

5) Cosa realizzeremo con il terzo lotto

La terza e ultima fase avrà un obiettivo economico di 400.000 euro e riguarderà il completamento del Giardino Anteriore e la creazione dei percorsi e delle “promenade” botaniche dell’Orto, con gli spazi per i laboratori didattici e per le attività di accoglienza.

Le due palazzine esistenti, attualmente sede di centri Dipartimentali, verranno ristrutturate con fondi dell’Ateneo e rifunzionalizzate ad uso e scopi culturali e museali (erbario e centri di studio) una volta riallocate le attività di ricerca e didattiche attualmente in essere, con la creazione di una caffetteria e un bookshop, e con spazi dedicati alle attività culturali.


Il Crowdfunding
A cosa servirà la tua donazione?
Ogni contributo è un seme per far nascere qualcosa di nuovo e alla fine del progetto ne raccoglieremo insieme i frutti.

Il nostro obiettivo è quello di riqualificare l’Orto Botanico e restituire nel tempo alla città un luogo di cultura, formazione e pace.


Un obiettivo che porteremo a termine insieme

Orto Botanico Bologna Riusciremo a riqualificare l’Orto Botanico solo unendo le forze.
L’Università di Bologna ha preso l’impegno nel 2019 di finanziare il progetto con i primi 150.000 euro necessari e insieme e grazie ai nostri donatori siamo riusciti a raggiungere l’obiettivo di raccolta della prima fase per poter procedere all’avvio dei lavori del 1° lotto nel 2020.
Ci siamo dati ora l’obiettivo di riaprire la Campagna di raccolta per la seconda fase sollecitando ogni parte della comunità che ci sostiene, certi della generosità che ci circonda. ci siamo dati l’obiettivo di raccogliere per la seconda fase:

  • 100.000 euro come contributo dell’Alma Mater Studiorum Università di Bologna
  • 200.000 euro dalle donazioni dei cittadini e aziende

Tu potrai aiutarci a raggiungere l’obiettivo di raccolta della seconda fase con la tua donazione. In questo progetto, l’Università di Bologna e il Sistema Museale di Ateneo hanno già trovato due amici importanti: QN – Il Resto del Carlino e Intesa San Paolo.

RICOMPENSE

UN PATRIMONIO DI BOLOGNA DA SALVARE INSIEME!

Aiutaci a costruire un futuro più verde con la tua donazione.
Da ogni euro donato nascerà qualcosa di nuovo.
E ricorda, le tue donazioni in denaro per l'Università di Bologna sono interamente deducibili se sei un privato.

AMBASCIATORI

In molti amano l’Orto botanico e si impegnano ad aiutarci.
Scopri tutti i sostenitori che hanno fatto un gesto importante per questo progetto.

Un orto: un’officina di storie

Eventi, racconti e curiosità per conoscere meglio l'Orto Botanico di Bologna.

Alberi 2020! Incontri per conoscere gli alberi a Bologna e d'intorni

5/02 | 22/02 | 29/02

Alberi 2020! Incontri per conoscere gli alberi a Bologna e d'intorni

Quali sono i principali alberi e arbusti che troviamo in città, campagna e collina? Come si riconoscono? Corteccia e portamento sono utili per identificare gli alberi? Avete mai sentito parlare di rami lunghi e rami corti? Le foglie delle piante sempreverdi vivono per sempre? A primavera si aprono le gemme: e poi cosa succede? Come cresce un albero da un anno all’altro? Esistono le piante maschio e le piante femmina? I fiori hanno sempre bisogno di api, farfalle o altri impollinatori? Cosa sono gli amenti? Le aghifoglie fioriscono? Frutto, frutta, frutti: che differenza c’è? E tra frutti secchi e frutta secca?

di: Redazione SMA
Per uno sviluppo sostenibile non bastano gli alberi: servono le foreste
Per uno sviluppo sostenibile non bastano gli alberi: servono le foreste

Per mantenere l’equilibrio dei processi ecologici che sono alla base della vita sul nostro pianeta è fondamentale garantire la conservazione e la ricostruzione delle foreste naturali: occorre una mappa globale in grado di individuarle con chiarezza e mappare il loro grado di “naturalità”

di: Redazione UniboMagazine
Un videogioco per scoprire i musei
Un videogioco per scoprire i musei

Il fondatore dell'Orto Botanico Ulisse Aldrovandi è fra i protagonisti di "WunderBO", il videogioco lanciato SMA: Sistema Museale di Ateneo - Unibo in collaborazione con Comune di Bologna Rete Civica Iperbole per promuovere le collezioni di Palazzo Poggi e del Museo Civico Medievale. Il gioco è disponibile su AppStore e PlayStore e i primi 100 che riusciranno a completarlo verranno omaggiati con la Card Musei Bologna! Buon divertimento!

di: Redazione SMA
Breve storia dell'Orto Botanico di Bologna
Breve storia dell'Orto Botanico di Bologna

Fondato nel 1568 su iniziativa di Ulisse Aldrovandi, l’Orto botanico di Bologna, tra i più …

di: Redazione

Immagine tratta da: BUB, Mss. Aldrovandi, Tavole di piante, vol. II, c.232. © Alma Mater Studiorum Università di Bologna – Biblioteca Universitaria di Bologna